Ecco le news in tema di diritto camerale e di quota di versamento per il 2022. Le ha segnalate direttamente il MEF in una nota ufficiale del 22 dicembre 2021.

Diritto camerale 2022, ecco le novità introdotte dal MEF

Parlando di diritto camerale posso affermarvi qui le nuove direttive annunciate dal MEF. Le nuove misure introdotte sono grossomodo quelle che erano già vigenti nel 2021. Ecco quanto è dovuto in termini di pagamento è dovuto, settore per settore:

  • Imprese individuali iscritte o annotate nella sezione speciale (piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti e imprenditori agricoli) l’importo è di 44 €
  • Le imprese individuali che sono iscritte alle sezioni ordinarie avranno un ammontare di 100 € (stessa cifra per le società semplici non agricole e le società tra avvocati)
  • Società agricole (50 €)
  • Imprese con sede all’estero (55 €)

Andando più nello specifico, va annotata a margine che le imprese che sono tenute a versare annualmente i loro importi in base al fatturato, si prevede l’applicazione delle medesime aliquote del 2021. Si prosegue dunque con la stessa logica “a scaglioni”. Per le aziende con un fatturato annuo che non supera i 100 mila euro, la quota fissa è di 200,00 €. Successivamente, come detto, si prosegue a scaglioni.

diritto camerale

Le aliquote previste per il diritto camerale restano invariate rispetto al 2021

Ecco quali sono le aliquote previste per il versamento annuale del diritto camerale. Come sottolineato, parliamo solo di quelle imprese che hanno un fatturato superiore ai 100 mila euro:

  • Fatturato tra i 250 e i 500 mila euro: 0,013%
  • Tra il mezzo milione e il milione di euro: 0,010%
  • Da 1 a 10 milioni di euro: 0,009%
  • Per un fatturato da 10 a 35 milioni di euro: 0,005%
  • Dai 35 ai 50 milioni di euro: 0,003%
  • Oltre i 50 milioni: 0,001% fino ad un massimo previsto di 40 mila euro

Diritto camerale 2022: come versare il pagamento dovuto

Ci sono sostanzialmente due modi per effettuare il versamento per il diritto camerale di questo 2022. O attraverso una soluzione unica di pagamento oppure mediante il modello F24, utilizzando il codice tributo “3850” da indicare nella sezione “IMU ed altri tributi locali”. Quando si effettua il pagamento? Ecco, il termine ultimo per pagare coincide con quello del versamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Non incappare in ritardi o multe, contattami per saperne di più!

Mi capita spesso di sentire chi mi dice “cosa mi accade se pago in ritardo l’ammontare previsto per il diritto camerale?” Vi dico quello che è previsto dalle normative vigenti, ovvero sia che nei casi di tardivo od omesso pagamento del diritto annuale si applica una sanzione amministrativa compresa tra il 10% e il 100% dell’ammontare del diritto dovuto. Non incappare in ritardi, multe, solite scocciature burocratiche e affidati a me. Io e il mio Studio di Commercialisti lavoriamo insieme a moltissime aziende [CLICCA QUI PER VEDERE I NOSTRI SERVIZI PER IMPRESE E AZIENDE]. Contattami, ti basta compilare il modulo che trovi qui sotto oppure puoi chiamarmi al numero 06 939 0386.