Bando formazione 4.0 per il 2022: come funziona il finanziamento

Andiamo a vedere come funziona il bando di formazione 4.0 per il 2022. Innanzitutto partirei con il definire chi siano i beneficiari di questo nuovo bando formativo, ossia tutti coloro che sono inseriti all’interno della Camera di Commercio di Roma. Non ci sono dei particolari settori economici o lavorativi che ne sono esclusi.

Se leggete più o meno frequentemente questo blog già sapete che ci sono dei bandi inerenti la parte della formazione per le PMI. La condizione necessaria è che le imprese devono essere attive e in regola. Il tempo limite che rappresenta dunque la “deadline” della richiesta per questo bando è il 1 agosto prossimo.

Modalità di accesso al bando di formazione 4.0

Le modalità con cui si può fare accesso al bando di formazione 4.0 sono principalmente due (LINEA A e LINEA B). Una linea di principio che è pressoché identica allo stesso bando del 2021. Chi ha già precedentemente fatto domanda per la LINEA A nel 2021 può fare richiesta solo per la LINEA B per il bando del 2022 e viceversa:

  • LINEA A: ovvero quelle PMI che vogliono inserire nuove risorse umane. Trattasi in sostanza di contributi per tirocini extracurriculari (della durata di almeno 3 mesi), contratti di apprendistato o assunzioni a tempo determinato (della durata di almeno 3 mesi) o indeterminato con l’obiettivo di innovare la gestione del lavoro e dei processi aziendali attraverso l’inserimento di nuovi strumenti o competenze legati a tre aree: lo smartworking, sicurezza del lavoro, digital manager.
  • LINEA B: in questa area si può fare domanda per chi intende investire in specifici settori quali: competenze strategiche e-commerce, competenze digitali relative ai processi di cambiamento post emergenza COVID-19.

Le spese ammissibili previste

Il contributo si prevede nella misura pari al 70% delle spese ammissibili al netto dell’IVA, ove soggettivamente detraibile. Alle imprese in possesso del rating di legalità viene riconosciuta un ulteriore premio di 250,00 €.

Le imprese sono ammesse al contributo fino all’esaurimento dei fondi disponibili e le risorse vengono attribuite ai beneficiari secondo l’ordine cronologico di presentazione della relativa domanda, fino all’ultimo beneficiario in posizione utile, che riceve una quota relativa al residuo.

Consistenza voucher per ambiti di intervento:

  • Linea A: € 7.500 (70% delle spese)
  • Linea B: € 2.500 (70% delle spese)

Le spese ammissibili si possono effettuare dal 27 aprile (quindi si è anche già troppo in là con la domanda come data) e vertono su:

  1. Tirocini extracurriculari, contratti di apprendistato, assunzioni a tempo determinato o indeterminato, sottoscritti a partire dal 27 aprile 2022;
  2. Servizi di formazione coerenti con le finalità del Bando;
  3. Acquisto di beni strumentali, inclusi costi accessori per la sicurezza funzionali alla realizzazione degli investimenti;
  4. Attività del personale interno direttamente coinvolto nell’inserimento in azienda di nuove risorse umane (solo Linea A).

Vuoi sapere di più su bandi e finanziamenti per la tua attività? Contattami!

Studio Pozzana segue da anni tutto il filone di ottenimento dei finanziamenti per le PMI e i liberi professionisti. In questo ambito siamo specializzati da anni (PUOI CONSULTARE QUI TUTTI I NOSTRI SERVIZI). Puoi contattarci e richiederci un appuntamento fisico o telefonico senza impegno.

Puoi compilare il form che trovi sul sito (CLICCA QUI) oppure chiamarci allo 06.9390386.